facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

PIZZA BIANCA ROMANA, ESPERIMENTI CON FARINE ALTERNATIVE

 pizzaromana titolo2

Tra gli usi più frequenti del mio lievito madre, oltre il pane, c’è la pizza, o meglio tanti tipi di pizza.

Pizze e focacce sono quanto di più gustoso e accattivante l’italica tradizione culinaria possa vantare, onnipresenti in pranzi, cene e merende, insuperabili spezzafame, basi per i condimenti più svariati.

La cucina italiana conta diversi tipi di pizza, molte protette da un preciso disciplinare.

Una di queste è la pizza bianca alla romana, oggi protagonista del CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO.

pizzaromana centrale

Si tratta di una pizza di antica tradizione, come potete apprendere dall’articolo principale sul sito del Calendario. Ed è straordinario come questa tradizione resista ancora, praticamente inalterata, a caratterizzare la città eterna, assieme ad altri prodotti e piatti tipici.

Roma è ormai la mia città, ci vivo da più di trent’anni, e la pizza bianca ha accompagnato la mia vita romana sin da quando mio figlio, ancora piccolissimo, l’ha eletta a sua merenda preferita.

Cosa c’è di meglio che un pezzo di pizza bianca, acquistata dal proprio fornaio di fiducia, e assaporata ancora tiepida? Che sia semplice oppure ripiena con la mortazza, è una merenda insuperabile, che ancora oggi la maggior parte degli studenti predilige.

pizzaromana fondo

Da anni ormai anche la pizza bianca è nel novero delle mie produzioni panificatorie. E anche per la pizza bianca, il lievito madre è mio prezioso alleato.

Qui trovate la mia prima ricetta e il tutorial fotografico, con la procedura che normalmente applico sia quando la faccio a casa, sia quando insegno a farla, nei miei corsi sui lievitati.

Applicando sempre la stessa procedura e le stesse regole, ma cambiando le farine, ho ottenuto risultati che mi hanno pienamente soddisfatta. Due esperimenti riusciti, il primo con tritordeum, il secondo con grano tenero integrale artigianale biodonamico, sono quelli rappresentati in foto, e che ora vi illustrerò.

Il tritordeum è un nuovo cereale, ottenuto dall’incrocio di un orzo selvatico e un grano duro. La farina che si ottiene, commercializzata in Italia da una nota azienda molitoria, ha un colore giallo intenso e un sapore eccellente. È tra le mie preferite, ma non reagisce come una normale farina di frumento: la sua capacità di assorbimento dei liquidi è inferiore, e, dopo l’incordatura, il risultato è un impasto più morbido e delicato.

L’antica varietà di frumento “abbondanza” è un grano tenero di buona forza, adatto alla panificazione. Ho usato una farina integrale artigianale “abbondanza” proveniente da un’azienda biodinamica, un profumo intenso  di erba fresca e un sapore davvero superlativo. Naturalmente risulta molto grezza, con tanta crusca, per cui l’ho setacciata con setaccio a maglie grandi, eliminando la crusca più grossa. Ovviamente eliminare non vuol dire buttare, ma conservare la crusca per altri usi.

Ed ecco le dosi che ho usato.

pizzaromana titolo

PIZZA BIANCA ROMANA CON ABBONDANZA INTEGRALE

500 g di abbondanza integrale

300 + 50 g di acqua

100 g di lievito madre rinfrescato e usato al raddoppio

Emulsione: 20 g di olio, 20 g di acqua, 4 g di sale

Come nella mia precedente ricetta, prima dell’impasto ho fatto l’autolisi di 45 minuti, con tutta la farina e 300 g di acqua. Ho poi impastato in planetaria con tutti gli altri ingredienti, e 50 g di acqua aggiunti alla fine goccia a goccia.

Ho trasferito poi l’impasto in un contenitore oliato, dando le pieghe dopo un’ora.

Ho lasciato ancora l’impasto a temperatura ambiente per mezz’ora, poi l’ho messo in frigo per 18 ore.

PIZZA BIANCA ROMANA CON TRITORDEUM

500 g di farina di tritordeum

300 + 20 g di acqua

100 g di lievito madre rinfrescato e usato al raddoppio

Emulsione: 20 g di olio, 20 g di acqua, 4 g di sale

pizzaromana1pizzaromana2pizzaromana3pizzaromana4pizzaromana5pizzaromana6

Ho proceduto come per il primo impasto, ma con l’autolisi di soli 20 minuti. Come vedete, qui l’idratazione totale è leggermente inferiore, anzi i 20 grammi aggiuntivi potrebbero anche non essere necessari, dipende dall’umidità dell’ambiente e della farina.

Il giorno dopo ho fatto acclimatare gli impasti a temperatura ambiente per più di un’ora, poi, come illustrato nella mia precedente ricetta, ho allungato l’impasto e fatto una piega a tre.

A questo punto l’ho fatto riposare ancora per un’ora, e intanto ho acceso il forno alla massima temperatura, con la pietra refrattaria.

Siamo arrivati alla fase finale, la stesura e la cottura.

Ho ulteriormente diviso ogni impasto in due pezzi, per non aver problemi con la pala. Devo decidermi ad acquistare la pala rettangolare adatta a questa pizza!

La stesura deve essere omogenea, e dopo la stesura è necessario fare le fossette pigiando con i polpastrelli, per evitare che si formino bolle troppo grandi.

L’ultimo passaggio è condire con una mistura di olio e poca acqua, e alla fine sale grosso sparso sulla superficie.

Se avete la funzione ventilazione nel vostro forno, è bene azionarla 10 minuti prima della cottura, per innalzare il più possibile la temperatura del forno. Quando la pietra sarà rovente, fatevi scivolare sopra la pizza, con attenzione, altrimenti perde la forma.

Non serve aggiungere che la pizza romana è SOLO ALLA PALA, vietatissimo usare la teglia ;)

La cottura durerà 7-8 minuti, con funzione ventilata.

pizzaromana fondo1banner calendario

Commenti   

0 # Giovanna 2017-04-14 10:11
Stupendo il tuo post. Io aspetto da te una lezione sulle lievitazioni. Quando la organizziamo??? ?? Un grande bacio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:39
Ma Giovanna tu sei una Maestra! Con molto piacere possiamo organizzare un incontro, sarà un equo scambio di informazioni :)
Un abbraccio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Sonia 2017-04-14 10:46
Post trionfale!!!Com plimenti ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:40
Grazie Sonia, gentilissima!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Anna Laura 2017-04-14 11:52
Mia cara, che dirti? Tu continua a sperimentare e io cercherò di seguirti, nel mio piccolo, sicura che ogni tua ricetta sarà un successo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:41
Grazie della fiducia Anna Laura, cercherò di non sbagliare!
Bacioni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Pattipa 2017-04-14 15:08
Maria Teresa, l'ho fatta!!! Ho copiato pari pari la tua ricetta e me la sono anche incollata sul blog. Veramente un'esperienza fantastica. E' stato necessario scassarti la mattina della domenica delle palme, ma a casa mia ne hanno giovato, sei una Maestra, complimenti davvero. La mia pizza non è venuta bella come la tua, devo ancora migliorarmi, ma il sapore è quello romano de Roma. Grazie ancora per la tua disponibilità e la tua gentilezza, un bascione forte forte
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:43
E' stata una piacevolissima chiacchierata Patti, e sono onorata della tua approvazione!
A presto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # ipasticciditerry 2017-04-14 18:11
Un vero capolavoro! L'ho fatta anche io, recentemente, con un altra ricetta ma il risultato è stato molto soddisfacente. Tanto che mio marito, che tu sai fa il pizzaiolo, mi chiede sempre quando la rifaccio. Bravissima Maria Teresa, un risultato eccellente. Ma tu sei bravissima, non c'è storia. Ti abbraccio e ti lascio i miei auguri di Buona Pasqua.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:45
Mi manca tanttissimo il pasticciare in cucina assieme a te!
Dobbiamo riorganizzarci, appena avrò un po' di respiro.
Ti abbraccio forte
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # fausta lavagna 2017-04-15 11:03
... purtroppo usata la teglia, lo scorso anno, in occasione del "vecchio" Calendario! Ma si fa quel che si può :D . Certo che, oltre a sentirmi in "debito" per la cottura sbagliata, ora che arrivo qui e vedo le tue versioni mi sento pure un po' un vermetto per quello che ho prodotto io. Ma... devo dire che sono sempre alla ricerca di insegnamenti e tu oggi me ne hai impartiti parecchi. Non ultimi quelli sulle farine! Mai sentito nominare il tritordeum e lo devo assolutamente cercare; se è un incrocio con orzo penso che ne conserverà anche parte delle caratteristiche e questo è un cereale che ha tantissime proprietà! Da godereccia quale sono (e ti devo dire che anch'io adoro pizze, focacce & C... le mangerei ogni giorno!) aspetto anche la pastiera! Un bacione carissima e buiona pasqua :D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:50
Cara Fausta ho visto la tua pizza, è una meraviglia, ma tu fai sempre la modesta :) comunque teglia o non teglia, l'importante è il risultato ;)
Ci tengo a conoscere il tuo parere sul tritordeum, fammi sapere quando l'avrai provato.
La mia pastiera è sempre la stessa, uso una ricetta che ho pubblicato anche qui, sono una tradizionalista :D
Grazie per essere passata di qui, un forte abbraccio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # alessandra 2017-04-17 11:41
il mio primo tentativo e' stato un fallimento, ma mi e' servito a capire dove ho sbagliato e non vedo l'ora di riprovare, facendo tesoro di tutti i tuoi consigli.Certo, potessi avere una farina anche solo lontanamente buona come quelle che usi tu, forse sarebbe meglio :) ma i miei errori sono stati tutti tecnici e avrei rischiato di sprecare ingredienti preziosi. Smaltisco gli avanzi del pranzo di Pasqua e riprovo. E complimenti davvero, per le lezioni che ci regali ogni volta!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-04-18 13:53
Alessandra grazie, in effetti la pizza romana è una di quelle preparazioni che richiedono una certa abitudine ed esperienza, ed io la faccio spesso.
Sono lusingata dalle tue parole di stima e apprezzamento!
Un caro saluto :*
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.