facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

DANUBIO SEMINTEGRALE DECORATO

danubiotitolo

Il danubio è un lievitato costituito da tanti panini accostati tra loro, ripieni di salumi, provola o altri formaggi, oppure verdure, insomma quello che più vi piace. Spesso si trova anche nella versione dolce, ripieno di creme o marmellate. Ma la versione salata è quella più diffusa soprattutto a Napoli.

Il nome ci riporta all'Impero Austroungarico, con cui sicuramente il Regno delle due Sicilie aveva scambi commerciali e culturali. L'ipotesi sull'origine del danubio si perde tra storia e leggenda, come sempre. L'ha inventato la zia materna di origini austriache del famoso pasticciere Mario Scaturchio? E' stato inventato nel 1768 da cuochi viennesi, in occasione delle nozze tra Ferdinando I e Maria Carolina di Asburgo-Lorena? E' simpatico perdersi nell'aneddotica intorno alle vere origini di un piatto.
In realtà esiste un dolce boemo chiamato “buchteln”, una brioche molto simile al danubio ma ripiena di “powidl”, una composta di prugne ottenuta dalla cottura di prugne dolci e mature senza l'aggiunta di zucchero.

Come sempre avviene, e come ho accennato sia per lo strudel sia per il babà, dall’incontro di diverse tradizioni culinarie, veicolate in questo caso da cuochi viennesi, ungheresi e napoletani, e dei saporiti prodotti tipici del territorio partenopeo, nasce il danubio, la cui forma è la stessa del “Buchteln”.

Benvenuta sia la contaminazione culturale!

La mia versione del danubio presenta alcune varianti, in primis l'uso di farine non convenzionali, di un ripieno vegetariano e di una decorazione di semi diversi per creare un po' di colore, che a me mette allegria, e dona anche di sapore.

Vediamo come farlo.

danubiotitolo1

Ingredienti per due danubi piuttosto grandi

 

Impasto:

500 gr di farina tipo 0 di media forza (220-240w)

500 gr di farina di farro integrale

180 gr uova intere

500 gr latte + 50 gr acqua

180 gr lievito liquido

120 gr di burro

30 gr di olio evo

20 gr di zucchero (io ho utilizzato lo zucchero di canna panela)

12 gr sale

 

Ripieno:

500 gr di asparagi

500 gr di zucchine

3 uova

150 gr di parmigiano

olio evo qb

aglio o scalogno o cipolla (facoltativo)

sale, pepe, erbe aromatiche a piacere

 

Per la decorazione:

semi di papavero, zucca, girasole, sesamo, lino

curcuma

pepe rosa

fiocchi di avena

 

NB: per sostituire il lievito liquido, basta fare un poolish con 90 grammi di farina, 90 grammi di acqua e 2 grammi di lievito di birra. Usare al raddoppio.

Si può anche usare pasta madre dura, ricalibrando leggermente i liquidi in fase di lavorazione.

danubiocentrale

Iniziamo con l'impasto del danubio: mescoliamo le farine, le setacciamo nella vasca della planetaria, aggiungiamo il lievito. Una volta preparati tutti gli altri ingredienti per l'impasto, usiamo il solito metodo partendo dal secco e aggiungendo pian piano i liquidi, cioè il latte e le uova leggermente sbattute con l'olio. L'acqua la lasciamo alla fine, potrebbe anche non servire. Raggiunta l'incordatura aggiungiamo il burro, un po' alla volta, l'acqua goccia a goccia solo se l'impasto risultasse ancora duro, lo zucchero e il sale.

A questo punto lasciamo l'impasto a temperatura ambiente per un'ora e mezza, facendo le pieghe dopo la prima mezz'ora e dopo un'ora. Ora l'impasto può essere conservato in frigo per 18 ore circa, ovvero fin quasi al raddoppio. Oppure, se preferite, potete scegliere la lievitazione a temperatura ambiente, preferibilmente senza superare i 26°. Le foto più giù mostrano l'impasto in fase di lievitazione di massa e dopo la lievitazione completa.

Prima di riprendere l'impasto dobbiamo preparare il ripieno e farlo raffreddare completamente.

Questo danubio è stato fatto tempo fa, nella stagione degli asparagi, per cui potete sostituire con altre verdure estive. In questo periodo vedrei bene anche una gustosa caponatina di melanzane e peperoni, oppure solo zucchine, quello che più vi piace, il metodo è lo stesso.

Facciamo soffriggere per pochi minuti le zucchine e gli asparagi tagliati in piccoli pezzi, con un po' di aglio o scalogno se piace. Devono rimanere verdi e croccanti.

danubio1danubio6

 

Mentre si raffreddano possiamo prendere l'impasto dal frigo.

Una volta raffreddate aggiungiamo le uova precedentemente sbattute con il parmigiano. A questo punto dobbiamo stagliare l'impasto in pezzi da 60-80 grammi, ovviamente tutti uguali. Formiamo quindi le palline con la classica pirlatura, poi le schiacciamo leggermente e formiamo dei dischi sui quali appoggiamo un po' di ripieno, come mostrato in foto.

danubio2danubio3danubio4danubio5danubio8danubio9danubio10danubio11

 

La chiusura deve essere fatta con attenzione per evitare la fuoriuscita del ripieno durante la cottura.

Ora prepariamo la "tavolozza dei colori" per dipingere le palline! Come già vi ho mostrato per altri pani decorati, ovvero la ruota ungherese delle feste, il pain margueritte e altri, amo giocare con semi e spezie. Per far aderire bene i semi all'impasto, bisogna inumidire leggermente la superficie di ogni pallina e poi passarla nei semi. Alla fine disponiamo le palline in due pirottini di carta di diametro adeguato (circa 30 cm), avendo cura di accostare i vari colori alternandoli.

danubio7danubio12danubio13danubio14

Il tutorial fotografico che ho inserito vuol essere solo uno dei tanti esempi e dei tanti modi di creare.

Una volta terminato questo lavoro, attendere la seconda lievitazione, che potrà durare un'ora e mezza, massimo due. Preriscaldare il forno a 190°, cottura a 180° per circa 35 minuti.

danubiofondo

danubiofondo1danubiofondo2Questo articolo partecipa alla raccolta PANISSIMO delle amiche Sandra e Barbara, ospite per il mese di luglio da Barbara.

VZBo8LV

Commenti   

0 # Tiziana 2015-07-27 10:24
Bellissimo Maria Teresa. Quanta pazienza...
Ciao e buona settimana!
Tiziana
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2015-07-28 11:10
Anche a te cara Tiziana, grazie per essere passata da queste parti! Bacio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Nonna Dani 2015-08-06 15:30
Ero in vacanza e mi sono persa questa meraviglia veramente brava.
Buona estate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2015-09-15 15:46
Ciao Nonna Dani, grazie!!!
Scusami del ritardo della risposta, sei sempre gentile
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TECNICHE DI BASE

PANE

PIZZE E FOCACCE

LIEVITATI DOLCI

DOLCI

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.