facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

PIZZA "MONDRIAN" PER MTCHALLENGE 58

pizzamondrian titolo

Sono riuscita a preparare anche una seconda pizza per MTChallenge n.58, nonostante il poco tempo a mia disposizione. Ne sono soddisfatta.

E' la pizza in teglia con lievito madre e con idratazione 70%, la terza delle tre ricette proposte dalla vincitrice della sfida n.57, Antonietta Golino del blog LA TRAPPOLA GOLOSA.

Come già ho spiegato nel precedente post, solitamente mi preparo gli ingredienti per il condimento e poi mi lascio guidare dall'intuito, non sapendo cosa verrà fuori alla fine e realizzando magari una nuova idea, come in questo caso.

L'idea che mi è balzata alla mente mi è stata ispirata dalle opere dell'artista Piet Mondrian: ho pensato di dividere il rettangolo della pizza in tanti settori quadrati o rettangolari, e di "colorarli" con gli ortaggi che avevo a disposizione.

Per dividere i settori ho usato alghe arame, di colore nero, che casualmente avevo in casa.

Come vedete dalle foto, ho riempito i settori con fiori di zucca, melanzane viola, peperoni rossi e gialli, pomodorini rossi ed arancioni, cipolle rosse (in realtà bianche e viola), asparagi e zucchine verdi. Dopo la cottura ho completato con patè di olive nere, fatto in casa, mozzarella di bufala ed erbe aromatiche.

Ovviamente la cottura ha spento i vividi colori degli ortaggi crudi, ed è per questo che ho preferito la pizza cruda come prima foto, molto più brillante.

pizzamondrian titolo1

Sono riuscita a mantenere abbastanza le percentuali indicate da Antonietta, ma ho dovuto ricalcolare tutte le quantità in proporzione alle dimensioni del mio forno e della mia teglia.

Antonietta mi aveva indicato l'area totale delle sue due teglie, 1250 centimetri quadrati. L'area totale di una sola teglia del mio forno è di 1824 cm quadrati, essendo i rispettivi lati di 32 e 57 cm, misurati dall'interno.

Ho usato una buona farina tipo1 di un molino industriale, indicata per pizza e prodotti a media lievitazione (13% di proteine, 280W), semola per il prefermento, e farina integrale di grano tenero della varietà "bianchetta", di produzione artigianale.

Ho diminuito la percentuale di lievito madre nel prefermento: conoscendo il mio lievito, ho previsto che avrebbe rischiato di abbassare il PH, non ho voluto rischiare.

Ho diminuito anche la percentuale del sale.

 

Partiamo con la seconda sfida!

PicMonkey Collage

pizzamondrian centrale7

Ecco gli ingredienti dei due impasti

657 grammi di farina, di cui 150 semola, 190 bianchetta integrale e 317 tipo1

467 grammi di acqua

130 grammi di lievito madre al 50% di idratazione (anzichè 190 grammi)

16 grammi di sale (anzichè 22 grammi)

 

Prefermento

130 grammi di lievito madre

190 grammi di acqua

150 grammi di semola

40 grammi di bianchetta integrale

 

Impasto

prefermento

il resto della farina

il resto dell'acqua

16 grammi di sale

 

Per il condimento serviranno

una zucchina romanesca

una cipolla viola

6-7 asparagi

6-7 melanzane viola, quelle sottili e lunghe

una decina di pomodorini datterino arancioni

una decina di pomodorini ciliegino rossi

6-7 fiori di zucca

una decina di peperoni mignon gialli e rossi (oppure un peperone giallo e uno rosso)

un cucchiaio di patè di olive nere

100-150 grammi di mozzarella di bufala

erbe aromatiche (menta, basilico, timo e maggiorana)

alghe arame qb

 

Per l'emulsione serviranno

40 grammi di olio

40 grammi di acqua

8 grammi di sale

pizzamondrian fondo2

Procedimento

Una volta pesati tutti gli ingredienti, ho sciolto il lievito in 190 grammi di acqua, sbattendolo con una frusta fino alla comparsa delle bollicine. Ho unito e setacciato le farine del prefermento e le ho mescolate al lievito sciolto. Ho lasciato fermentare a temperatura ambiente per due ore.

pizzamondrian1pizzamondrian2pizzamondrian3pizzamondrian4pizzamondrian5pizzamondrian6

Raddoppiato il prefermento, ho setacciato il resto delle farine con un setaccio fine, mettendo da parte il cruschello.

Ho iniziato ad impastare in ciotola amalgamando bene gli ingredienti, aggiungendo il cruschello solo dopo l'inizio dell'incordatura.

Come per le altre pizze impastate a mano, ho effettuato un paio di pause di 7-8 minuti, per favorire la formazione del glutine senza stressare l'impasto.

Ho trasferito l'impasto sul piano di lavoro per terminare la fase dell'impastamento con la tecnica dello slap&fold.

Dalla sequenza delle foto è possibile notare la trasformazione dell'impasto, che alla fine è liscio e ben incordato.

In questa prima fase non ho mai aggiunto farina.

pizzamondrian7pizzamondrian8pizzamondrian9pizzamondrian10pizzamondrian11pizzamondrian12pizzamondrian13pizzamondrian14

A questo punto ho aspettato mezz'ora, poi ho fatto delle pieghe ed ho inserito l'impasto in un contenitore leggermente oliato. Ho riposto in frigo per 16 ore.

pizzamondrian15pizzamondrian16

Trascorso questo tempo ho lasciato l'impasto, quasi raddoppiato, a temperatura ambiente per circa 45 minuti, poi l'ho ribaltato sul piano di lavoro, l'ho leggermente allungato ed ho fatto una piega a tre (stretch&fold).

Questa operazione è secondo me importante per allungare il tessuto e anche per ottenere uno spessore più uniforme.

pizzamondrian17pizzamondrian18pizzamondrian centrale

Ho lasciato riposare l'impasto ancora mezz'ora, coperto.

Nel frattempo ho messo a mollo e sciacquato le alghe per due volte.

pizzamondrian centrale1pizzamondrian centrale1bis

Ho steso un poco l'impasto prima di posizionarlo nella teglia ben oliata. Per questa veloce operazione, durante la quale l'impasto si allungherà ulteriormente, ci si avvale dell'avambraccio. Bisogna quindi tener conto di questo ulteriore allungamento.

pizzamondrian centrale2pizzamondrian centrale3pizzamondrian centrale4

Una volta posizionato nella teglia, ho aggiustato ancora un po' l'impasto e l'ho pigiato uniformemente con i polpastrelli, per distribuire i gas.

pizzamondrian centrale5

A questo punto l'ho lasciato riposare ancora mezz'ora e mi sono dedicata alla preparazione del condimento.

Quando ho iniziato a coprire la pizza con le verdure, ho acceso anche il forno a 250°C.

pizzamondrian centrale6pizzamondrian centrale8

Finito il lavoro di copertura, ho sbattuto l'emulsione con una piccola frusta e l'ho cosparsa sulle verdure con l'aiuto di un pennello.

Ho infornato la pizza a 250° per 10 minuti e con la sola resistenza inferiore, per dare modo alla base di cuocere bene. Poi ho abbassato a 220°-200° per 15 minuti.

Sfornata la pizza, ho completato il condimento con patè di olive, mozzarella di bufala ed erbe aromatiche.

Tutto questo è stato molto divertente ed appagante, anche le mie colleghe a scuola hanno apprezzato!

pizzamondrian fondo1pizzamondrian fondo

 

 

 

 

 

 

Commenti   

0 # Elena 2016-06-25 15:44
Un meraviglios quadro di verdure!
Questo il cibo che diventa arte. Compimenti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2016-07-01 11:02
Grazie Elena, è un modo ancor più divertente per fare una golosa pizza :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Tartetatina 2016-06-27 22:12
Complimenti! E' proprio una pizza bella ed invitante.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2016-07-01 11:01
Grazie infinite Tartetatina :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Rossella 2016-06-28 11:57
Ma che splendore! Mondrian mi piace assai e la tua pizza artistica è da copiare subito. Complimenti :-D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2016-07-01 11:01
Grazie Rossella, solo un modo più fantasioso di presentare una pizza vegetariana.
Fammi sapere se la replichi, ne sarò felice!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Antonietta 2016-06-30 21:23
Maria Teresa ma questa non è una pizza, è un quadro e sembrerebbe un vero peccato mangiarla
Stampo il post e la farò uguale alla tua appena posso
Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2016-07-01 10:43
Ne sarò onorata Antonietta! Fammi sapere :)
Ti ringrazio immensamente
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # la gaia celiaca 2016-07-04 15:14
È meravigliosa! Non solo piena di squisite verdure, ma elegante, artistica... e pure la tecnica perfetta, a giudicare dagli alveoli! una pizza bellissima, complimenti, piacere di aver scoperto questo blog che vedo essere di altissimo livello (scusa ma ultimamente giro poco per i blog e me ne perdo tanti che, come il tuo, sarebbe invece proprio il caso di conoscere)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2016-07-05 10:57
Le tue parole mi fanno immensamente piacere, grazie! Anch'io ho visitato il tuo blog ed ho scoperto in te una maga del gluten free, sei davvero brava. Ho grande ammirazione per chi lavora farine difficili ottenendo risultati strabilianti senza l'aiuto del glutine.
Un caro saluto e grazie ancora!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TECNICHE DI BASE

PANE

PIZZE E FOCACCE

LIEVITATI DOLCI

DOLCI

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.