facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plusrss2

IL PANE RITUALE SERBO DI PATA MARKOVIC

pane serbo titolo

Resto sempre incantata dinanzi ai pani rituali di qualsiasi tradizione, riccamente abbelliti con intrecci e decori simbolici. Ne abbiamo testimonianza anche in Italia, in particolare in Sicilia, con i pani di S. Giuseppe, e Sardegna, con i coccoi de Pasca. Molto modestamente ho provato a riprodurre entrambi, ed ho anche interpretato la ruota ungherese delle feste, con due articoli, il secondo con foto-tutorial passo passo.

Stavolta ho raccolto di buon grado l’invito di Marina a riprodurre un pane rituale serbo, in occasione del festeggiamento di PETRONILLA sul CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO, con un approfondimento sulla “Petronilla serba”, PATA MARKOVIC.

pane serbo titolo tris

Al pari della Petronilla italiana, Pata insegnò a generazioni di donne a cucinare in modo vario, sano e gustoso. Insegnò anche la preparazione della tavola, la presentazione dei piatti e la tenuta della casa.

Per lei, come per Petronilla, essere casalinga era una cosa seria, che richiedeva conoscenze e competenze.

Pubblicò diversi libri e curò rubriche di importanti riviste, dedicate a ricette e menù.

Per questo pane mi sono attenuta alla ricetta che mi ha tradotto Marina, sostituendo il lievito di birra con il lievito madre e ricalibrando le percentuali in funzione del lievito aggiunto. Ho pensato di aggiungere anche pochissimo zucchero e buccia di limone.

pane serbo centrale2

Ecco le dosi

banner calendario

IMPASTO PER LE DECORAZIONI

220 g di farina 00

50 g di fecola di patate

18 g di sale

160 g di acqua

IMPASTO PER IL PANE

1 kg di farina 00 o 0 W280-300

230 g di lievito madre rinfrescato e usato al raddoppio

450 g di latte

150-180 g di acqua

4 tuorli (70-75 g)

2 uova medie (120 g)

50 g di zucchero

200 g di burro

10 g di sale

Buccia grattugiata di un limone

pane serbo centrale

PROCEDIMENTO

Ho setacciato la farina e l’ho inserita nella vasca della planetaria con il lievito a pezzetti.

Ho avviato la macchina a bassa velocità, inserendo il latte e le uova leggermente sbattute.

Quando l’impasto si è formato, ho aggiunto la metà dell’acqua alternata con lo zucchero.

Ho aumentato la velocità ed ho aggiunto il resto dell’acqua molto lentamente. Ovviamente la quantità dipende sempre dalla capacità della farina di assorbire i liquidi.

Alla fine, raggiunta l’incordatura, ho aggiunto il burro morbido, sempre lentamente, e il sale.

Ho fatto puntare l’impasto a temperatura ambiente per due ore, con due giri di pieghe a intervalli regolari.

Ho riposto l’impasto in frigo per 18 ore.

Ho preparato l’impasto per i decori amalgamando tutti gli ingredienti, fino ad ottenere una pasta morbida e malleabile. L’ho riposta in frigo assieme all’impasto del pane.

Il giorno dopo ho ripreso l’impasto del pane, come vedete praticamente raddoppiato, l’ho fatto ambientare, l’ho sgonfiato e l’ho lavorato per comporre gli intrecci.

Ho tagliato tre pezzi da 350 g con i quali ho fatto tre fili lunghi 115 cm.

paneserbo1paneserbo2paneserbo3paneserbo4paneserbo5paneserbo6

Ho intrecciato i fili ottenendo una treccia lunga 85 cm, con la quale ho fatto una corona.

Ho staccato un pezzo grande da 560 g con il quale ho composto una palla; l’ho appiattita e l’ho disposta come base sotto la corona di treccia.

Ho tagliato ancora due pezzi da 280 g, componendo due treccine a due fili, che ho disposto sopra la base piatta, incrociandole.

paneserbo7paneserbo8paneserbo9paneserbo10paneserbo11paneserbo12

Ho messo a lievitare il pane, ben coperto, e nel frattempo ho preparato i decori, a mano libera per le colombine, le spighe, il libro, l’uva e le botti, aiutandomi con stampini per foglie e fiori.

Ogni decoro ha un preciso significato augurale: la colomba significa la pace in famiglia, il libro indica la sapienza, la spiga, l’uva e la botte l’abbondanza del raccolto.

Quando il pane ha terminato la lievitazione, ho spennellato la superficie con uovo sbattuto ed ho sistemato i decori. In questo modo è evidente, dopo la cottura, il contrasto cromatico tra la superficie del pane e le decorazioni che rimangono bianche.

pane serbo centrale3

Cottura in forno preriscaldato a 180° per 45/50 minuti.

N.B.: la ricetta originale prevede lievitazione e cottura in uno stampo, io ho preferito procedere senza stampo anzitutto per ottenere una cottura più omogenea, poi per non rovinare l’effetto dell’intreccio.

Ed ecco il risultato, spero vi piaccia e vi venga voglia di provare, vi assicuro che il pane è buonissimo e la preparazione molto divertente!

Sotto potete vedere l'interno, soffice soffice, di un pezzo di impasto avanzato, tagliato caldo. Non ho ancora il coraggio di tagliare il pane decorato!

pane serbo fondo1pane serbo fondo220170509 215714

Commenti   

0 # Claudia 2017-05-11 15:24
Ma che meraviglia Maria Teresa .... Se non fossi così pasticciona mi verrebbe quasi voglia di provare:)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:31
Ma non ci credo proprio che sei pasticciona!!!! ! :D
Ti verrà benissimo, provaci e poi mi dici ;)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giuliana 2017-05-11 16:05
sono senza parole davanti a questo capolavoro di bellezza e di bravura. Complimenti amica mia, tantissimi e sentiti.

Giuli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:32
Grazie Giuli, sei sempre generosa di apprezzamenti per me, e ne sono onorata!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marina 2017-05-11 16:19
È venuto meraviglioso Maria Teresa ma i dubbi non ne avevo...sono invece felicissima per il semplice fatto che tu l'abbia fatto cimentandoti con pane nuovo per te è che tu ne abbia parlato. I progetti come il Calendario servono anche per questo motivo, grazie del cuore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:34
Infatti ti devo proprio ringraziare per la motivazione che tu e il calendario riuscite ad infondermi!
Un abbraccio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Manu 2017-05-11 17:06
E' veramente spettacolare, ne ero rimasta incantata ieri vedendo la foto di un decoro che è solo una piccola parte di questo pane meraviglioso.
bellissima l'idea di decorare il pane dopo la lievitazione e con un impasto diverso, grazie per aver dato voce a questo pane
Ciao Manu
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:35
Grazie davvero Manu, è un pane così particolare che merita essere rifatto più e più volte, e in diverse forme.
Un abbraccio!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # leila 2017-05-11 18:18
bellissimo, poetico, realizzato ad arte complimenti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:36
Grazie mille Leila!
Bacioni!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Silvia 2017-05-11 20:37
Sei un'artista!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:37
Silvia non dirmelo ancora chè poi ci credo!!! :D
Bacioni
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Cecilia 2017-05-11 21:39
Vorrei avere la tua testa, non solo le tue mani
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:40
Questo che mi hai scritto è uno dei complimenti più belli che abbia mai ricevuto, sono lusingatissima! !!! ma la tua testa è già superdotata, la mia sarebbe superflua :D
Un abbraccio forte
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Alessandra 2017-05-12 09:25
E' uno spettacolo...ve ramente complimenti sei bravissima!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Maria Teresa 2017-05-19 23:40
Ti ringrazio di cuore Alessandra! :*
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TECNICHE DI BASE

PANE

PIZZE E FOCACCE

LIEVITATI DOLCI

DOLCI

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

Instagram

FACEBOOK

Corsi

IMG 20170206 WA0000

Programmi e TV

GOOGLE +

Google+ Seguimi su Google +

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.