MARMELLATA DI AGRUMI E ZENZERO

marmellata agrumi e zenzero

Esiste un antidoto al grigiore invernale: il colore del sole nelle sue variegate sfumature.

Si accompagna a fresche fragranze dalle caratteristiche note aromatiche, riconoscibili fra mille.

Un meraviglioso dono della natura, irresistibile toccasana per superare i freddi inverni e la mancanza di luce: gli agrumi.

Racchiusi in una marmellata, lasciano esplodere al palato deliziosi profumi, accostati in un blend molto particolare, anche per la presenza della nota piccante dello zenzero.

marmellata agrumi e zenzero 1

PANE DI SEGALE AL LIMONE

pane di segale 2

Avete mai provato ad aromatizzare il pane col limone? Spesso ho preparato il pane con salvia e zeste di limone, mai con succo di limone, ma quando ho visto il pane di segale al limone che Tiziana ha pubblicato nel suo blog PROFUMO DI BROCCOLI, me ne sono subito innamorata. E così ci ho provato, con qualche modifica rispetto alla ricetta originale presentata da Tiziana.

Ma prima vorrei fare una premessa sulla segale, un cereale molto particolare, con diversa composizione di proteine e carboidrati rispetto agli altri cereali.

Ho usato spesso anche il lievito di segale, che potete trovare descritto in un articolo in questo blog, ma in questo caso ho optato per il lievito madre, che ho sempre pronto.

Ho anche scritto un articolo per il sito AIFB, Associazione Italiana Food Blogger, sulla segale e sul pane trentino e altoatesino.

Amo il gusto unico del pane di segale, un cereale dalle tante qualità: è molto energetico, favorisce la peristalsi e nutre il microbioma intestinale, esercita un controllo sul metabolismo degli zuccheri, previene le malattie cardiovascolari grazie all’alto contenuto di lisina.

pane di segale 3

IL PANFORTE DELLO SPEZIALE... E DEL DROGHIERE

panforte 1

“L’Epifania tutte le feste porta via”, e per salutare questo lungo periodo di feste, chiudiamo con un dolce godurioso, ma così godurioso che se me lo avessero detto prima non ci avrei creduto!

Si tratta del panforte, uno dei pochi legami diretti con la cucina medievale, la cucina del cuoco e dello speziale, la cucina dei monasteri, delle suore come Leta e Berta, alle quali si fa risalire l’invenzione del PANIS FORTIS.

Ero curiosa di sperimentarne la ricetta del panforte e vestire i panni dello speziale, anche se lo ritenevo un dolce un po’ stucchevole. Ma quanto mi sbagliavo! Già solo prepararlo è un’esperienza sensoriale unica, per i profumi che si sprigionano da una felice alchimia di ingredienti. Ho capito perché le spezie si chiamano droghe e si vendono nelle drogherie, sono stupefacenti! Lo speziale o il droghiere, a seconda delle epoche, è indispensabile per preparare il panforte.

panforte 3

I TORTELLI MILANESI FIRMATI IGINIO MASSARI

tortelli

Anche quest'anno sto onorando degnamente il Carnevale. I dolci fritti sono irresistibili, si sa, tanto irresistibili quanto semplici e veloci da realizzare, almeno la maggior parte di essi. Tranne ovviamente i krapfen, che, nella mia personale versione, richiedono quasi tre giorni, tra preparazione, lievitazione e cottura.

Vi avevo promesso proprio la ricetta dei krapfen, ma non mi è possibile pubblicarla qui per il momento, poiché verrà pubblicata in una rivista in aprile. Per rimediare vi propongo una ricetta d'autore, ma di storica tradizione milanese.

Si tratta dei tortelli milanesi del Maestro Iginio Massari, tratti dal secondo volume della serie "Non solo zucchero".

tortelli 3

PAIN D’ÉPICES CON LIEVITO MADRE

pain dépices

Manca una manciata di ore allo scoccare della mezzanotte.

Un altro anno è passato, anzi è volato… i giorni, i mesi, le stagioni hanno scandito la frenetica velocità che regola la nostra vita, e alla quale ci siamo adattati.

Ma ci sono momenti in cui il tempo si dilata, e questo succede quando i ritmi lenti della lievitazione di un impasto ci costringono a fermarci, ad attendere con trepidazione che un pane o un dolce si gonfi al punto giusto.

Forse è per questo che sono così attratta e affascinata dai lieviti e dagli impasti. La ritualità dei gesti ogni volta crea un incantesimo, una situazione quasi ipnotica nella quale mi abbandono.

pain dépices 1

LA ZUCCA PROTAGONISTA DEL MIO COOKING SHOW

cooking show6

Eccoci arrivati a ZUCCOLANDIA!

La fata madrina in carrozza la trasformò

E Cenerentola a bordo saltò!

Zucche, zucche e ancora zucche

Dolci, salate, molto colorate.

Allegre, oppure no, brutte e scabrose,

servono a esorcizzare brutte cose!

Accompagnano il freddo, gialle come il sole,

e fanno molto bene anche all’umore…

cooking show 1

ZELTEN CON LIEVITO MADRE

zelten con lievito madrePer accompagnare i miei auguri in occasione delle festività natalizie, ho scelto quest’anno lo Zelten, un dolce altoatesino che tutte le famiglie di questa regione conoscono e preparano, ognuna con varianti personali e piccoli segreti da tramandare.

Il pane dolce delle feste è il comune denominatore di tante tradizioni regionali e nazionali, come abbiamo visto per il Panettone, le cui vere origini sono state raccontate da Stanislao Porzio, o con lo Stollen, dolce tedesco il cui simbolismo rievoca Gesù Bambino avvolto in fasce. Tra i pani dolci regionali ricordiamo i pani di sapa della Sardegna, la Gubana friulana, il Panpepato o il Pangiallo di tradizione laziale, il Panforte di Siena e tanti altri.

Dello Zelten esistono testimonianze scritte dal ‘700, dalle quali si evince l'antica origine medievale di questo dolce. Naturalmente era previsto l’uso della pasta di pane con lievito madre, arricchita da frutta secca e canditi. Proprio a questa antica ricetta mi sono ispirata, vista anche la mia passione per pane e lievitati, preparando lo Zelten con lievito madre anziché con lievito chimico, che è invece la versione di gran lunga più usata. Ho calibrato la ricetta con una discreta dose di frutta secca e canditi, e l’ho arricchita con spezie e aromi. Il risultato è stato molto soddisfacente all’assaggio.

zelten 2

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.