TORTA PASQUALINA

pasqualina titolo2

Auguri affettuosissimi a tutti voi che mi leggete nel giorno di Pasqua, tanta gioia e serenità!

Il mio augurio quest'anno coincide con la pubblicazione di un classico, la TORTA PASQUALINA, una specialità tradizionale ligure, festeggiata proprio oggi nel CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO.

Delle numerose torte salate esistenti nella cucina italiana, non ce n'è nessuna uguale alla torta pasqualina, col suo impasto così malleabile ed elastico, lavorato a sfoglia, ma con olio extravergine di oliva naturalmente, siamo in Liguria!

E proprio la pasta matta della pasqualina desideravo provare, quella soffiata con la cannuccia, quella che mi ha incuriosita da quando l'ho vista nel blog di Vittoria, "La cucina piccolina", e nel libro MTChallenge "TORTE SALATE".

Ma la mia è una torta "diversamente" pasqualina, come vedete :D

pasqualina titolo1

I BISCOTTI DEL LAGACCIO E IL MIO PRIMO RADUNO MTCHALLENGE

lagaccio titolo

Conoscete i biscotti del Lagaccio? Sono profumatissimi biscotti con lievito naturale, che si ottengono con un procedimento simile a quello che si usa per le fette biscottate. Prendono questo nome dal quartiere del Lagaccio, a Genova, dove nacquero come semplici fette di pane tostate, adatte alla lunga conservazione per il consumo in barca.

Sono caratterizzate dalla presenza di semi di anice, nella ricetta originale, ma in rete si trovano anche con semi di finocchio o liquore d’anice. La mia proposta prevede un mix di anice stellato, anice verde e finocchio, e naturalmente il mio lievito madre.

Il collegamento con MTChallenge? Ho preparato questi profumati biscotti in occasione del raduno della community MTChallenge a Napoli, dal 13 al 15 gennaio scorsi, pensando anche alle radici liguri della nostra capitana (si può dire?) Alessandra Gennaro.

Ho conosciuto MTC lo scorso maggio, anche se già conoscevo Alessandra e molti amici blogger membri della community, in occasione della presentazione del libro TORTE SALATE. Ringrazio Tamara per avermi presentata e per aver insistito affinché io chiedessi di entrare. E così è stato, eccomi qua a far parte orgogliosamente della truppa di mtchallengers!

I tre giorni napoletani sono stati per me una parentesi gioiosa e spensierata, ho conosciuto molti componenti della community, accomunati dal piacere per la cultura culinaria e da una grande carica di sana allegria. Ho anche ritrovato amici blogger già incontrati più volte. Nominarli tutti è impossibile, ma voglio qui ricordare la simpaticissima Flavia Galasso, conosciuta come Elisa Baker, impareggiabile battitrice d’asta

20170115 094040

e poi Marina Bogdanovic, ideale compagna di stanza, Patrizia Malomo, che ha festeggiato il suo compleanno con noi proprio in quei giorni, la dolcissima Marianna Bonello, e poi Flaminia Luccarelli, Cristiana Di Paola, Valentina De Felice, Giuliana Fabris, Marica Bochicchio, Mariella Di Meglio, Rossella Campa, Anna Laura Mattesini, Mapi Bruscia, Mai Esteve, Lucia Melchiorre, Sara Sguerri, Giulia Robert, Alice Del Re, Ilaria Talimani, Manuela Valentini, Sabrina Gasparri, Sandra Venturoli Vacchi, Cinzia Martellini Cortella, Annarita Rossi, Corrado Tumminelli, Pasqualina Filisdeo, Susy May, Cristina Galliti, Vittoria Traversa, Francesca Acquolina, Dani Pensacuoca, Silvia Zanetti, Patrizia Patticastello, Antonietta Golino, Francesca Lanuova...andate a visitare i loro blog, sono tutti straordinari! E' troppo lungo inserire i loro link individuali, per questo vi metto direttamente il link della lista dei membri della community, spero che da oggi in poi seguiate il sito, ne vale davvero la pena!

Un ringraziamento particolare va naturalmente a Fabio D'Amore e Anna Luisa Vingiani, per l'accoglienza calorosa, tipicamente partenopea, e la perfetta organizzazione, direi svizzera più che partenopea ;)

Conoscendo bene la Napoli classica dei percorsi turistici tradizionali, ne ho approfittato per scoprire qualche angolo di bellezza non ancora conosciuto, in compagnia della mia adorata cuginetta Maria Antonietta, detta Toni, e della mia colta compagna di stanza Marina. La chiesa di S. Anna dei Lombardi, per esempio, con la splendida sagrestia del Vasari.

 naoli1

PIZZA BIANCA ROMANA, ESPERIMENTI CON FARINE ALTERNATIVE

 pizzaromana titolo2

Tra gli usi più frequenti del mio lievito madre, oltre il pane, c’è la pizza, o meglio tanti tipi di pizza.

Pizze e focacce sono quanto di più gustoso e accattivante l’italica tradizione culinaria possa vantare, onnipresenti in pranzi, cene e merende, insuperabili spezzafame, basi per i condimenti più svariati.

La cucina italiana conta diversi tipi di pizza, molte protette da un preciso disciplinare.

Una di queste è la pizza bianca alla romana, oggi protagonista del CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO.

pizzaromana centrale

Si tratta di una pizza di antica tradizione, come potete apprendere dall’articolo principale sul sito del Calendario. Ed è straordinario come questa tradizione resista ancora, praticamente inalterata, a caratterizzare la città eterna, assieme ad altri prodotti e piatti tipici.

Roma è ormai la mia città, ci vivo da più di trent’anni, e la pizza bianca ha accompagnato la mia vita romana sin da quando mio figlio, ancora piccolissimo, l’ha eletta a sua merenda preferita.

Cosa c’è di meglio che un pezzo di pizza bianca, acquistata dal proprio fornaio di fiducia, e assaporata ancora tiepida? Che sia semplice oppure ripiena con la mortazza, è una merenda insuperabile, che ancora oggi la maggior parte degli studenti predilige.

pizzaromana fondo

TERRINA DI PESCE E TERRINA IN CROSTA PER MTCHALLENGE

terrina titolo1

Questa volta mi sono impegnata poco, sono stata un’allieva poco diligente. E me ne dispiace tantissimo. Sì perché ci tenevo ad approfondire la proposta di Giuliana come merita di essere approfondita.

Giuliana del blog La Gallina Vintage ha vinto la sfida #mtc63 con una strepitosa proposta di pollo fritto, come solo lei, con la sua competenza e raffinatezza, poteva realizzare.

A sua volta ha lanciato la sfida del mese di marzo, le terrine, la sua specialità, il simbolo di quella cucina elegante e senza tempo, fatta di intramontabili preparazioni che soddisfano la vista e il palato, che hanno bisogno di una cornice importante, che da sempre accompagnano la ritualità delle feste, delle cene ufficiali con tanti invitati, ma anche delle semplici cene familiari, senza mai stancare.

In questo articolo, che assolutamente vi consiglio di leggere, Giuliana spiega in modo molto accurato la metodologia per realizzare una terrina, che sia di carne, di selvaggina, di verdure, di pesce. Ampio spazio alla fantasia di ognuno, nelle combinazioni cromatiche e di gusti.

Come sempre MTChallenge non si smentisce: la condivisione dei saperi è il motore di questo gioco. Un’idea "vincente" quella di Alessandra, sono dispiaciuta di averla conosciuta così tardi. Ma cerco di recuperare!

terrina titolobis

Questo mese per me è trascorso tra preparativi e viaggi con la scuola, un bel viaggio a Vienna che annualmente viene organizzato in collaborazione col Ministero di Cultura austriaco, e un viaggio a Torre del Lago, Lucca e Vinci, sulle tracce di Giacomo Puccini e Leonardo da Vinci. I campi scuola sono occasioni irripetibili per gli adolescenti, ed io ci tengo particolarmente, e cerco di creare sempre un collegamento con la cultura e le tradizioni musicali.

Dividermi tra il mio lavoro di insegnante e musicista, e il mondo della cucina e dei blogger, è sicuramente divertente e stimolante, ma talvolta perdo la testa…

In ogni caso sono riuscita, tra un viaggio e l’altro, almeno a sperimentare la terrina di Giuliana, anzi le terrine, alla fine ne ho fatte due allo stesso tempo.

terrina titolotris

LA TORTA DEL DONIZETTI E I NOVE DO DI PETTO

 donizetti titolo

Non ho potuto farne a meno. Non potevo mancare proprio io in questa Giornata così “musicale”, dedicata all’operista italiano più generoso e prolifico nella scrittura, quello che ha saputo conquistare il pubblico dei teatri lirici di tutto il mondo, al pari e talvolta anche più che in Italia, il bergamasco GAETANO DONIZETTI.

E questo è il mio primo contributo al nuovo CALENDARIO DEL CIBO ITALIANO, direi un esordio molto in tema con la mia persona, parlare di musica è il mio mestiere.

E che musica, qui si tratta di eccellenza, di opera italiana per antonomasia, e non vedo miglior collegamento col cibo italiano. Uniti nell’armonia dei sensi! E d’altronde il connubio musica-cibo, mi correggo, BUONA MUSICA-BUON CIBO, è una costante. Mi correggo, un LEIT MOTIV che connota capolavori senza tempo.

Nel 1948, anno di celebrazioni del centenario della morte di Donizetti, la famosa pasticceria BALZER, situata proprio di fronte al Teatro Donizetti a Bergamo, inventò LA TORTA DEL DONIZETTI in onore del grande figlio della città di Bergamo.

donizetti centrale2

Si tratta di un dolce soffice e delicato, ricco di burro e privo di lievito, su base montata, arricchito con albicocche e ananas canditi, aromatizzato con vaniglia e maraschino.

Per accompagnare la realizzazione della torta del Donizetti, cosa c’è di meglio che l’ascolto della nota aria di coloratura “Ah! Mes amis” tratta da “La fille du Régiment”?

La cabaletta conclusiva è una vera esplosione di acrobazie vocali, con i nove do di petto più famosi della storia della lirica.

L’interpretazione di un giovane e promettente tenore vi sorprenderà! 

POLLO FRITTO CON KETCHUP, MAIONESE DI SEDANO RAPA E SALSA AL VINO ROSSO E SAPA

pollofritto titolo1

Ricompaio finalmente, in un periodo di scarsa attività causa restyling del blog, ma assolutamente non volevo perdere la proposta mensile di MTChallenge.

Silvia Zanetti, la vincitrice della sfida #mtc62 con la sua originalissima realizzazione di macaron, ci ha proposto non un semplice fritto di carnevale, come ci aspettavamo, ma una preparazione molto più completa e complessa, un classico street food degli States, in particolare gli Stati del Sud, adatta a tutti i periodi dell’anno: il pollo fritto.

pollofritto titolo

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.