facebook degustibusitinerainstagram degustibusitinerapinterest outlined logoyoutubegoogle plus twitter 1rss2

Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; plgContentJComments has a deprecated constructor in /home/degusti/domains/degustibusitinera.it/public_html/plugins/content/jcomments/jcomments.php on line 25 Deprecated: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; JCommentsACL has a deprecated constructor in /home/degusti/domains/degustibusitinera.it/public_html/components/com_jcomments/classes/acl.php on line 17

CIABATTE CON SEMOLA INTEGRALE SENATORE CAPPELLI

ciabatte 1

Il pane più semplice? Io non ho dubbi: è la ciabatta. Come tutte le cose semplici, ovvie e perfette, nasce da un’idea geniale. Arnaldo Cavallari, noto campione di rally, la mette a punto il 21 settembre 1982, ad Adria, e la chiama Ciabatta Italia.

La novità consiste nell’alta percentuale di acqua, almeno il 70%, e nell’uso di una biga preparata con pochissimo lievito. Il doppio impasto e i lunghi tempi di lievitazione producono un pane profumato e croccante, con mollica morbida e con grandi alveoli. L'aveva capito il suo indomito inventore, basta una scintilla per innescare un grande motore. Basta pochissimo lievito per avviare un processo enzimatico che donerà grande gusto e intensa aromaticità al prodotto finito.

Molta strada ha fatto la ciabatta da quel fatidico 21 settembre 1982. Il globetrotter Arnaldo ha fatto il giro dei cinque continenti per insegnare al mondo intero la ricetta della ciabatta. Ormai è un cult, un po' come la pizza.

 ciabatte 2

Vi sembrerà strano che io consideri semplice un pane a doppia lievitazione, ma se ci pensate, con la ciabatta possiamo lasciare gran parte del "lavoro" al tempo. E alla fine anche la "formatura" è molto semplice e immediata.

Spessissimo faccio le ciabatte, con diverse farine e diversi procedimenti. In questo blog potete trovare le ciabatte con oliva, cipolle e semi di finocchio, molto gustose, e anche le ciabattine al curry.

Queste che vi presento oggi sono apparentemente più complicate, ma vi assicuro che è più semplice farle che raccontarle. Provateci, portatemi le vostre esperienze, ne sarò felice. Lo hanno già fatto molte mie amiche di un gruppo facebook, e i risultati sono stati molto soddisfacenti.

A tal proposito vorrei ringraziare Maria Rosaria Cozzolino e Alessandra Simonetti per la fiducia che sempre ripongono nelle mie competenze nell'arte bianca.

ciabatte 3

CIABATTE DI SEMOLA SENATORE CAPPELLI INTEGRALE E FARINA TIPO1

Prefermento simil sponge (da fare il giorno prima)

50 g di pasta madre

80 g di acqua

50 g di farina tipo 0 di forza

50 g di semola

Autolisi di due ore

500 g di semola Senatore Cappelli integrale macinata a pietra

300 g di acqua

Autolisi di mezz’ora

500 g di farina tipo1 di media forza

300 g di acqua

Impasto

Impasto autolitico di semola

Impasto autolitico di farina tipo1

prefermento

100-120 g di acqua

8-10 g di sale

impasto ciabatteimpasto ciabatte bis

Procedimento

Iniziate il giorno prima con la preparazione del prefermento: sciogliete il lievito nell’acqua, unite le farine e mescolate. Lasciate a temperatura ambiente per mezz’ora, poi mettete in frigo a maturare per un giorno.

Il giorno successivo create il primo impasto autolitico, poi, a distanza di un’ora e mezza, il secondo. Fate assorbire l’acqua alla farina, mescolate bene senza lavorare l’impasto e lasciate agire in autolisi.

Trascorso il tempo dell’autolisi, inserite nella vasca della planetaria i due impasti e il prefermento.

Mettete in funzione la macchina a bassa velocità e versate lentamente l'acqua. Gli ultimi 20-30 grammi vanno versati ancor più lentamente e fino a che l'impasto riesca ad assorbirne senza perdere corda.

Aumentate la velocità e alla fine versate 8-10 grammi di sale. L'impastamento dovrebbe durare non più di 6-7 minuti.

Versate l'impasto in un contenitore oliato. Lasciate puntare l'impasto per mezz'ora, poi fate un giro di pieghe. Lasciate ancora una mezz'ora, fate altre pieghe e inserite in frigo. Lasciatelo per 18 ore circa, ovvero fin quasi al raddoppio.
Il giorno successivo tiratelo fuori dal frigo, lasciatelo a temperatura ambiente per un’oretta, versatelo sulla spianatoia, allargatelo e formate sei ciabatte, semplicemente tagliandole e aggiustando una forma vagamente rettangolare, senza manipolare troppo l'impasto e senza pieghe.

Mettete le ciabatte in lievitazione su canovacci molto ben infarinati. Lasciatele per un’ora e mezza-due.

ciabatteciabatte bis

Nel frattempo portate il forno alla massima temperatura, possibilmente con pietra refrattaria. Vaporizzate il forno, ribaltate le ciabatte su paletta, usando ancora farina se necessario, rigirandole al contrario (la parte a contatto con la base diventa la superficie e viceversa), fatele scivolare sulla pietra e cuocetele per 30-35 minuti, abbassando gradatamente la temperatura fino a 200°. Sfornate e lasciate raffreddare su gratella.

Queste ciabatte andranno come sempre nella raccolta di Sandra, le ricette itineranti

RICETTE ITINERANTI cornice

ciabatte 4

Commenti   

# Solema 2018-06-29 16:59
Che meraviglia... chetelodicoafa'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-06-30 23:08
Grazie Solema! Provaci, sono sicura che ti piaceranno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Rosaria 2018-06-30 10:40
La fiducia è un valore....Tu ne esalti sempre le proprietà! Le tue capacità sono un dato di fatto, mia cara Maria Teresa, ed attingere alle tue conoscenze non può che accrescere il nostro sapere!❤
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-06-30 23:10
Sei gentilissima Maria Rosaria, lo sai che la stima e l'affetto sono reciproci! Sei anche tu una grande intenditrice in fatto di lievitati, il che mi rende ancor più lusingata della tua stima e fiducia.
Un abbraccio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Marica 2018-07-01 16:35
Complimenti, non sembrano difficili da fare! Volevo però chiederti una cosa: cosa intendi per "vaporizzare ? Basta una semplice ciotola d'acqua nel forno o bisogna spruzzarla prima della cottura? Grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-07-02 00:48
Ciao Marica. Vaporizzare vuol proprio dire spruzzare acqua appena prima di inserire le ciabatte in forno. Se vuoi puoi anche mettere la ciotola quando accendi il forno, poi la togli prima di infornare e vaporizzi. Spero di essere stata chiara, altrimenti chiedimi pure.
Grazie della visita, buonanotte!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# sandra 2018-07-03 11:23
mamma mia che spettacolo Maria Teresa!!!!
inserite nella raccolta, grazie
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-07-10 08:15
Grazie Sandra, alla prossima, baci
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Tiziana 2018-07-08 22:18
Semplicemente bellissime cara Maria Teresa.
Le foto rendono bene la loro bellezza e bontà.
Anch'io adoro le ciabatte e sono sempre i pani più apprezzati anche in famiglia.
Mi piace l'introduzione dell'articolo :)
Con questa farina Cappelli non le ho proprio mai provate e dovrò rimediare.
A presto e buona settimana
Tiziana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Maria Teresa 2018-07-10 08:19
Grazie Tiziana, io ho sempre in casa semola cappelli o saragolla che prendo in Molise, sono fantastiche ti assicuro. Se avremo modo di vederci te le farò assaggiare.
Un abbraccio, buona settimana anche a te!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
# Tiziana 2018-07-11 10:22
Grazie Maria Teresa!
A presto :)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

MARIA TERESA

Maria Teresa Cutrone de gustibus Itinera

Iscriviti al mio blog!

FACEBOOK

Programmi e TV

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.