PASTIERA NAPOLETANA

titolo

Non ricordo una Pasqua senza la pastiera!

È sicuramente il dolce della mia famiglia, quello legato all’infanzia, ai ricordi più belli, alle grandi occasioni e ai pranzi delle feste, con tutti i familiari e i parenti, durante i quali noi bambini eravamo protagonisti, al centro dell’attenzione.

Sarà per questo motivo che colloco questo meraviglioso dolce al primo posto nella mia personale classifica? Magari a pari merito con il babà e la sfogliatella… non ho origini partenopee, ma dev’esserci una ragione perché adoro questi dolci!

Forse sì, per la pastiera in particolare mi piace l’abbinamento del rustico e semplice grano con la deliziosa crema di ricotta, il che rende questa preparazione un dolce affatto stucchevole, molto profumato grazie alla presenza di bouquet floreali, cannella e limone.

Per migliorare ulteriormente il gusto e i profumi, consiglio di utilizzare canditi fatti in casa, che potete trovare qui nel mio blog.

Vediamo ora la ricetta e i passaggi. Con le dosi indicate si otterranno due pastiere di media grandezza.

titolo1

INGREDIENTI

per la pasta frolla:

 600 gr di farina 00

300 gr di burro (oppure 250 di strutto)

220 di zucchero

2 uova intere e due tuorli

un cucchiaio di acqua millefiori

un pizzico di cannella

un pizzico di sale

buccia grattugiata di un limone

qualche goccia di limone

 

per il ripieno

600 gr di ricotta, scolata per un giorno intero in frigo, possibilmente di pecora

350 gr di zucchero

500 gr di grano macerato

350 gr di latte

9 tuorli e 7 albumi

1 stecca di vaniglia

1 cucchiaino di cannella

un piccolo pezzo di cannella intera (non macinata)

succo e buccia grattugiata di mezza arancia

succo e buccia grattugiata di mezzo limone

200 gr di canditi a cubetti (cedro e arancia)

acqua di millefiori q.b. (consigliabile l'essenza non diluita)

una noce di burro

un pizzico di sale

zucchero a velo per guarnire

 

Procedimento:

Consiglio di preparare la frolla il giorno precedente e farla riposare in frigo.

Per il ripieno procedere in questo modo: far bollire lentamente il grano in una pentola con il latte, il burro, la stecca di vaniglia, buccia e succo di arancia e limone, cannella intera, un cucchiaio di zucchero, un pizzico di sale. Girare di tanto in tanto per evitare che si attacchi, far assorbire il latte e spegnere. Girare ancora per far freddare e per evitare che si formi una crosta.

Intanto lavorare bene zucchero e tuorli con la frusta, passare al setaccio la ricotta e unirla ai tuorli montati. Unire i canditi, l'acqua millefiori, la cannella in polvere, e infine il grano, dal quale è stata tolta la cannella e la vaniglia (della quale vengono recuperati i semini e uniti al composto).

pastiera napoletana 3pastiera napoletana 4pastiera napoletana 5pastiera napoletana 6pastiera napoletana 7pastiera napoletana 8pastiera napoletana 9pastiera napoletana 10

Solo ora montare a neve ferma gli albumi e unirli delicatamente al composto.

Foderare le tipiche tortiere da pastiera (col bordo più alto di quelle per le crostate), porre il ripieno (facendo attenzione che non sia troppo,  in forno si gonfia), decorare con le strisce intrecciate.

centrale

Cuocere in forno statico a 170° per circa 90 minuti.

Lasciare ancora in forno aperto ad asciugare per 10/15 minuti.

Prima di servire cospargere con zucchero a velo.

E' consigliabile consumare la pastiera il giorno dopo averla cotta, per farla insaporire e per rendere la frolla più morbida.

P.S.: oggi 11 aprile 2022 ho cambiato le foto di questa ricetta pubblicata nel 2014, lasciando solo quest'ultima per ricordo, anche se oggi mi appare brutta. Dopo otto anni la ricetta è però rimasta inalterata!

fondo1

DEGUSTIBUS ITINERA utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza sul sito. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.